Domanda chiusa

Altra domanda

Tesina prima guerra mondiale

Sto cercando una tesina sulla prima guerra mondiale da scaricare gratis, con i collegamenti alle varie materie scolastiche e la mappa concettuale. Qualcuno può aiutarmi?

-1 punti

Inviata il 09 giugno 2010 - 4 risposte

segnala abuso | salva nei preferiti | condividi | invia via mail

Risposte

http://www.primaguer​ramondiale.it/guerra​/tesina-prima-guerra​-mondiale.htm Eccola! Su questa pagina trovi appunti e notizie sulla grande guerra raccolti in una tesina sulla prima guerra mondiale.

Inviata il 09 giugno 2010

Commenti (0) | Segnala abuso

0 punti

http://www.tuttograt​is.it/studenti/tesin​e_pronte_gratis.html Tantissime tesine già pronte per le varie materie, da scaricare e usare liberamente in vista dell'esame di maturità. Magari trovi anche una tesina sulla prima guerra mondiale!

Inviata il 09 giugno 2010

Commenti (0) | Segnala abuso

0 punti

Ecco una tesina sulla prima guerra mondiale: Intorno al 1908 l'Austria aveva annesso senza alcuna trattativa diplomatica la Bosnia-Erzegovina sulla quale aveva un protettorato, determinando così la convergenza degli interessi russi e serbi, poiché infastidì la Russia e fomentò l'irredentismo serbo. Cominciano a moltiplicarsi le associazioni panslaviste, incoraggiate anche da Pietroburgo. Il 28 giugno 1914 esplode l'attentato di Sarajevo, capitale della Bosnia e centro di quei luoghi che erano stati annessi all'Austria, in cui viene colpito l'arciduca Francesco Ferdinando e sua moglie, erede al trono. Francesco Ferdinando diventato imperatore si sarebbe impegnato a far trasformare l'impero da dualistico a trialistico, riconoscendo anche la parte slava, andando così ad afflosciare l'irredentismo. L'attentatore è uno studente bosniaco appartenente ad un gruppo terroristico manovrato dai servizi segreti serbi e da Pietroburgo. L'Austria all'inizio sembra non reagire, infatti l'ultimatum a Belgrado, capitale della Serbia, sarà inviato solo il 23 luglio, sotto la spinta della Germania. L'Austria si muove a ridosso della Germania perché la fine dell'impero è ormai inevitabile, sa di non poter sostenere un conflitto e comunque è molto meno motivata del kaiser, che coglie la palla al balzo per scatenare la guerra. Con l'ultimatum, che per definizione è inaccettabile, si scatena la guerra, che si differenzia da tutti gli altri conflitti mai conosciuti per la durata, le proporzioni e perché tutti i continenti sono coinvolti. Le responsabilità non furono tutte della Germania, ma queste sono da individuare sia in entrambi i blocchi, sia nei paesi neutrali. Si capì subito che avrebbe vinto il blocco più pesante sul piano industriale; ogni blocco cercò di attirare a sé anche dai paesi neutrali, che si lasciavano coinvolgere da chi offriva di più. Alla fine della guerra, quando ci sarà la pace di Versailles, la Germania sarà trattata come 'unica responsabile della I^ Guerra Mondiale', ponendo subito le cause del secondo conflitto, quindi si parlò di guerra dei 31 anni, poiché in realtà la guerra non è mai finita. La responsabilità non è solo dei poteri politici o militari, ma anche di quelli economici ? corsa degli armamenti. L'attacco alla Serbia scatenò il sistema delle alleanze, la Russia dichiara la mobilitazione totale, la Germania dichiara guerra a Francia e Russia. L'Inghilterra entra in guerra perché deve vendicare l'invasione del Belgio, giustificando i propri interessi imperialistici in nome del diritto internazionale. Il Giappone dichiara guerra alla Germania per i possedimenti tedeschi nel Pacifico, ma quella del Sol Levante può essere considerata una guerra a sé in quanto non c'era una particolare amicizia con nessuno degli stati della Triplice Intesa. Fin da subito vengono messi in evidenza i cosiddetti paesi zavorra di entrambi i blocchi, la Russia per l'Intesa e l'Austria per gli imperi centrali, quei paesi che essendo poco industrializzati, non riescono a sostenere da soli il peso (...Segue)

Inviata il 10 giugno 2010

Commenti (0) | Segnala abuso

0 punti

© Trilud S.p.A. - P.iva: 13059540156 - Tutti i diritti riservati | Tuttogratis non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti. Tuttogratis e la tua Privacy.

rss